Speciale Milano
facebook Stampa

Le grandi voci alla Scala


Maria Callas
La lirica non ha confini. In ogni parte del mondo si trova qualcuno che conosce e magari canticchia "La donna é mobile" o "Nessun dorma". Già, perché l'opera lirica é un genere pop per eccellenza. E anche se la frequentazione dei teatri sembra per alcuni un rito riservato a gente ricca o un po' fanatica, in realtà dovrebbe essere vissuta come un momento di entusiasmo, di passione, persino di tifo!

Abbiamo selezionato la nostra top 5 di giovani voci della lirica. Qual é il loro rapporto con il tempio della lirica, la Scala di Milano? Quando hanno cantato o, soprattutto, quando canteranno? Alcuni di loro sono di casa alla Scala di Milano. Il 7 dicembre 2009, per l'inaugurazione della stagione, il teatro milanese ha allestito Carmen di Bizet, protagonisti il tenore Jonas Kauffmann e il mezzosoprano Anita Rachvelishvili. Nel luglio 2010 invece é la volta di Juan Diego Flórez, re del bel canto rossiniano, in scena alla Scala come Conte di Almaviva nel Barbiere di Siviglia. E in ottobre arriverà il tenore messicano-francese Roland Villazón per L'elisir d'amore di Donizetti. Più controversa la situazione di Anna Netrebko. Osannata in altre nazioni, viene percepita con diffidenza dal pubblico più esigente di Milano. Una diffidenza che l'ha tenuta e la tiene ancora lontana da Milano.
Riuscirà a vincere l'ostracismo del loggione?
Articolo di Paolo Bolpagni

Video. Carmen

Anita Rachvelishvili e Jonas Kaufmann nella scena finale della Carmen alla Scala il 7 dicembre 2009. Regia e costumi di Emma Dante, direttore d'orchestra Daniel Baremboim

Video. Barbiere di Siviglia

Juan Diego Flórez in "Se il mio nome saper voi bramate" dal Barbiere di Siviglia di Rossini, alla Scala nel 1999. Regia di Alfredo Arias, direttore d'orchestra Riccardo Chailly.


turismo.milano.it

Le grandi voci alla Scala

«A quei tempi era sempre festa. Bastava uscire di casa e attraversare la strada...», scriveva Cesare Pavese ne La bella estate. E, parafrasando, è quasi come a quei tempi. La festa c'è ed è più vicina di quello che si pensi perché anche quest'anno sono centinaia «»gli appuntamenti che il Comune di Milano ha pensato per chi rimane in città durante il periodo estivo. C'è veramente di tutto, come del resto sempre: spettacoli, concerti, ballo, iniziative sportive.


Clicca qui per il cartellone degli eventi»
Nèo
Altri articoli di questa enews

Speciale: ARTE E MUSICA A MILANO

Nèo Martina Mazzotta

Martina Mazzotta

Art curator - Milano
Nèo
Nèo