Néo: INTERNATIONAL STARTUPPERS
facebook Stampa

IL MIO SEGRETO? PRENDERE UN CAFFE’ TRA AMICI


Nacho Sala – CEO & Marketing Director Atràpalo

Nato nel 2000, Atrapalo.com inizia ad operare proponendo offerte scontate fino al 70% per spettacoli e concerti, ma presto inizia ad includere anche viaggi, voli e hotel e, a partire dal 2003, anche ristoranti (attualmente Atrapalo conta su oltre 83.000 hotel, di cui circa 14.000 in Italia, 70 compagnie aeree, 4500 ristoranti, e numerosissimi teatri, spettacoli e attività). La crescita dell’azienda è continua: nel 2008 ha registrato un fatturato di 165 milioni di euro (+3% vs 2007), nel 2010 di 185 milioni di euro; (+10% vs 2009). L'obiettivo 2011 è stato quello di elevare il fatturato a 240 milioni di euro, attraverso lo sviluppo delle affiliate internazionali. Al momento, il Gruppo conta 150 professionisti con un'età media di 28 anni ed è presente in 5 Paesi: Spagna, Cile, Italia, Francia e Brasile e sarà presente a breve anche in Perù e Colombia. www.atrapalo.com.

1. Chi sei e di cosa ti occupi?

Sono Nacho Sala, socio fondatore e marketing director di Atrápalo, agenzia on line di promozione di viaggi e attività per il tempo libero.

2. Cosa ha "acceso la lampadina" e ti ha fatto prendere la decisione di metterti in proprio?

La nostra storia è cominciata prendendo un caffè tra amici. Stavamo a parlare delle poltrone dei teatri rimaste vuote e ci è venuta in mente l’idea di vendere quei biglietti rimasti a un prezzo più economico. Si trattava di un accordo più conveniente sia per i teatri sia per gli spettatori. Abbiamo applicato questa stessa formula ai viaggi, alberghi, voli, ristoranti ecc. Le migliori idee nascono d’ambienti pacati, quindi tutti i giorni continuiamo a prenderci un caffè tutti insieme tra le 10.30 e le 11.00 del mattino.

3. Le qualità fondamentali che un giovane startupper deve avere?

Qualità e attitudini che dovrebbe avere un imprenditore:

  • Intuito, visione delle opportunità che offre il mercato
  • Avere intorno gente più brava di lui/lei
  • Capacità di lavoro, umiltà e una mente aperta
  • Essere fedele al valore che propone, al modello d’impresa e disciplinato nel raggiungere l’obiettivo

4. I difetti che assolutamente non può permettersi?

Uno degli errori che non può permettersi è quello di non essere fedele alle quattro attitudini basilari già citate. Poi aggiungo, non essere abbastanza informato riguardo a ciò che succede nel mercato e rispetto alla concorrenza: questa è una fonte d’ispirazione e miglioramento. Oggigiorno, Internet è una gran risorsa di R&D (Ricerca e Sviluppo).

5. Quali difficoltà dovrà affrontare e come può superarle?

Le difficoltà sorgeranno di continuo e saranno di tutti i tipi, l’importante è vederle come sfide e opportunità da cui imparare e crescere. Solo il fatto di decidere di dare avvio a un nuovo progetto implica attivare tantissime capacità che forse, quando si lavorava per terzi, rimanevano latenti o scontate. Fare l’imprenditore significa intraprendere un’esperienza che permette di apprendere un insieme di conoscenze e competenze atte a risolvere e superare diverse difficoltà. Noi pensavamo che se il progetto non avesse funzionato almeno avremmo acquisito le abilità per saper saltare gli ostacoli.

6. L'intuizione migliore che hai avuto?

Selezionare tra varie idee quella di ATRÁPALO ed aver avuto il coraggio di realizzarla insieme ai miei soci: brave persone e bravi professionisti, in quest’ordine.

7. L'errore più grande che hai fatto? E quelli da non fare?

Ce ne sono molti: ma forse, i più grandi sono stati quello di lanciare un prodotto che ha avuto poco successo per mancanza d’analisi e quello di decidere di conquistare un paese che non ci convinceva o perché era troppo tardi o perché ormai la concorrenza era troppo forte. Quindi, il primo errore è stato quello di essere troppo impulsivi e impazienti di vedere il prodotto sul mercato e il secondo errore quello di essere troppo riflessivi. In ogni caso, nel settore in cui ci muoviamo preferisco sbagliare per essere troppo impulsivo e dopo avere l’opportunità di correggere la rotta, piuttosto che riflettere troppo e perdere il treno.

8. Il tuo modello di imprenditore?

Assumo il rischio di “lisciare”, ma i miei modelli sono i miei soci: Ignacio Giral e Manuel Roca. Imparo tanto da loro.

9. La tua filosofia di vita?

Vivere onestamente e godere il presente. Lottare per ciò e per tutti coloro in cui credi.

10. Qualche consiglio utile a chi vuole mettersi in proprio?

Lavorare, stare attento alle opportunità, credere nella propria squadra e non arrendersi mai.

Un sogno per domani (durata 3:26 minuti)

Pensa a un’idea per cambiare il mondo e mettila in atto







Nèo Miryam Oca

Miryam Oca

San Sebastian (Spain)
Altri articoli di questa enews