Néo: INTERNATIONAL DESIGN
facebook Stampa

I DIECI MIGLIORI DESIGNER DEL MONDO


Philippe Starck
E’ il momento di farci molti nemici. Chi sono i migliori design del mondo? Ognuno ha la propria personale classifica. Ecco i nostri top 10, in ordine sparso.

MARCEL WANDERS

L’olandese Marcel Wanders è un outsider divenuto celebrità nel mondo del design. Nel 1990 fonda il movimento concettuale Droog Design che lo porta all’attenzione dei media. Due anni dopo fonda la WAACS Design & Consultancy e nel 1995 dà vita allo Studio Wanders Wonders. Nel 2000 la grande svolta: la Droog Design recluta i migliori designers e nasce Moooi, un innovativo marchio di arredamento di cui è anche art director. Docente, progettista e interior designer, Wanders è una delle personalità più camaleontiche del settore. Tra le collaborazioni alcuni grandi Brand come Alessi, Swarovski, Klm, Puma. Premiato con l’ Alterpoint Design Award 2000, e il Rotterdam Design Prize, le sue opere colpiscono per le suggestioni oniriche e fiabesche. I suoi lavori sono esposti al MoMa di New York, al Museum of Modern Art di San Francisco, allo Stedelijk Museum di Amsterdam, al Vitra Design Museum in Germania. Due delle sue creazioni cult sono la Knotted Chair, la sedia in corda e fibra di carbonio, annodata a mano e indurita con un trattamento a base di resina, disegnata nel 1996 per Droog Design e poi editata da Cappellini e la lampada a sospensione Skygarden per Flos.

OKI SATO

Oki Sato, trentunenne giapponese nato in Canada, laurea in Architettura presso la Waseda University. Nel 2001 è a capo di Nendo, che si piazza ben presto tra le prime cento aziende nipponiche. Progetti di architettura, arredo d’interni e grafica, realizzati con l’inventiva e la genialità che contraddistingue gli asiatici. Dalle matite di cioccolato prodotte con la pasticceria Tsujiguchi Hironobu alla seduta Cabbage Chair, dal tappeto Lucky con quadrifoglio 3D alle palestre di arrampicata libera e scuole di cucina, installazioni per Lexus e per il Japan Media Arts Festival, dagli arredi per De Padova ai pacchetti di caramelle alla menta: concretezza e versatilità sono i valori fondamentali per lo studio Nendo. Solo per Kenzo Parfums, Nendo ha progettato 250 negozi in 80 paesi. Nendo ha inolte ideato la linea 1%: per ogni pezzo, solo cento esemplari per consentire a chi li acquista la gioia di possederne una quantità significativa. Designer dell’anno per Wallpaper e vincitore del Good Design Award, Oki Sato ha persino ideato un’agenda Moleskine. Progetto da segnalare: la carta da parati con decori in muschio verde con cui il designer giapponese ha arredato la sua casa sul fiume Shibuya.

ROSS LOVEGROVE

Visionario e carismatico, Ross Lovegrove, nato nel Galles si laurea in Industrial Design al Politecnico di Manchester, nel 1980 e nel 1983 consegue il Master di Design al Royal College of Art di Londra. Nei primi anni Ottanta, Ross Lovegrove collabora con Frog Design in Germania e a Parigi per Knoll International. Entra a far parte dell’Atelier de Nimes, insieme a Jean Nouvel e Philip Starck. Alcune delle sue opere sono esposte al Guggenheim Museum di New York, l’Axis Centre Japan, il Pompidou Centre di Parig, il Design Museum di Londra e il Museum of Modern Art (MOMA). In queste ultime due locations ha collezioni permanenti. Pluripremiato per il suo estro creativo in perfetto equilibrio tra tecnologia e scultura, sono sue creazioni l’iMac Apple, il walkman Sony, la fotocamera Eye per Olympus, le sedie di plastica Go per Bernhardt Design, la sedia Figure of Eight per Cappellini, le poltrone d’aereo British Airways e Japan Airline, e Solar Tree prototipo di lampada urbana ecosostenibile ideata per Artemide.

ROSS LOVEGROVE ELARGISCE CONSIGLI AI FUTURI DESIGNERS (durata 2:06 minuti)

Da vedere perché i consigli di un genio del design vanno seguiti attentamente. “Il duro lavoro non ha mai ucciso nessuno” è il primo tra questi.

PIERO LISSONI

Piero Lissoni ama definirsi “un architetto a 360°”. Formatosi al Politecnico di Milano, nel 1985 diventa art director e designer per Boffi. Ridefinisce il concetto di cucina e bagno che diventano con lui luoghi in cui la funzionalità si coniuga con il senso estetico. Lissoni Associati Milano e Graph-X, si compone oggi di circa settanta persone tra architetti, designers e grafici che lavorano per le aziende più note del settore. Piero Lissoni è inoltre direttore artistico per le aziende Boffi, Lema, Living Divani, Porro e Tecno. Un ricercatore dell’essenziale, il designer/architetto predilige il design allo stato puro, l’astrazione delle forme. Premiato col Compasso D’oro, il più antico e il più autorevole premio di design, le sue creazioni più famose sono la cucina Esprit per Boffi, il divano Nest e il mobile Flat per Cassina.

PATRICIA URQUIOLA

Patricia Urquiola, designer spagnola che vive a Milano. I suoi mentori sono nomi illustri del settore: Bruno Munari, Achille Castiglioni, Vico Magistretti. Sangue caliente e un gusto italiano, l’inizio carriera di Patricia coincide con l’incontro con Maddalena de Padova nel 1991, continua grazie al sodalizio con Pietro Lissoni, dal 1994 al 2000, e culmina nella partnership con Patrizia Moroso nel ’98, con la quale dà vita a un nuovo concept del sedersi che si adatta alle esigenze del cliente. Un tocco il suo che coniuga una sensibilità femminile e una profonda conoscenza della tecnica, la bellezza delle forme e il comfort. La sua creatività è stata messa al servizio di grandi brand. Premiata con il Best System Award, Designer of the Year e Elle International Design Awards, nel 2009 partecipa con successo alla prima edizione di LED, Festival internazionale della luce, con l'installazione, a Milano, Spiro Gira. Tra i suoi prodotti più famosi le sedute Chaise e Chaiselongue per De Padova con il maestro Vico Magistretti, la libreria One per Kartell, con Piero Lissoni, le poltrone Bloomy per Moroso.

KARIM RASHID

Un talento eccentrico e cosmopolita, anglo-egiziano, vive e studia in Canada, Industrial Design e si specializza in Italia con Ettore Sottass. Attualmente vive a New York ma le sue opere hanno girato l’intero globo, spaziando tra vari settori quali il design di prodotto, l’interior design, la moda, l’arredamento, l’illuminazione e l’arte. Un creativo a tuttotondo con una visione estetica poetica e sensuale. Ha creato più di 2000 oggetti e curato l’ interior design di locations quali il ristorante Morimoto a Philadelphia e l’Hotel Semiramis ad Atene, premiato con l’European Hotel Design Award. Le sue opere sono esposte come collezioni permanenti in 14 tra i più famosi musei del mondo, tra cui il MOMA di New York. La sua arte mira a coinvolgere la sfera emozionale, trasformando le sue creazioni in vere e proprie esperienze sensoriali. I suoi prodotti più famosi: i divani Superblob per Edra, Orgy per Offecct, le sedie Butterfly per Magis.

PHILIPPE STARCK

Classe 1949, francese, Philippe Starck è una celebrity del design contemporaneo. A soli 20 anni è art director per Pierre Cardin, a 30 anni fonda la sua prima azienda e diviene il designer simbolo della ville lumière. Progetta gli appartamenti di Mitterrand, del cafè Costes, dei club delle boutique parigini. Nel mondo realizza hotel design a Miami, Londra, New York, Tokyo. Apre il design al grande pubblico per cui realizza svariati prodotti: dalla pasta Panzani alle calzature Puma, dalla moto Aprilia agli orologi Fossil, dalla birra Kronenbourg all’orsacchiotto Moulin Roty. Il suo lavoro viene insignito di prestigiosi premi tra i quali il Grand Prix National de la Création Industrielle e l’Honor Award dell'American Institute of Architetcts. Nell’infinita produzione di oggetti must have: le sedie Dr Glob, Loius Ghost e La Marie per Kartell, spremiagrumi Juicy Salif per Alessi, lampada Romeo Moon per Flos. Sempre disposto a rendere l’arte del design accessibile e comprensibile a una vasto pubblico, il genio Starck diviene protagonista di un talent show in cui apre le porte della sua nuova scuola parigina a dodici aspiranti talenti del design internazionale.

LOUIS GHOST -THE ICONIC CHAIR (durata 1:00 minuto)

Da vedere perché Philippe Starck è un guru internazionale del design e questa è, in assoluto, una delle sue creazioni cult per Kartell, un'icona del nostro tempo.

ANTONIO CITTERIO

Antonio Citterio rappresenta l’eccellenza del “made in italy” nel mondo contemporaneo. Una carriera in ascesa la sua, che parte con la laurea al Politecnico di Milano nel 1972 e l’apertura del suo primo studio. Dal 1987 al 1996 progetta, con Terry Dwan, edifici in Europa e in Giappone. Nel 1999 fonda la Antonio Citterio and Partners insieme a Patricia Viel, a Milano e ad Amburgo, in cui si occupa di architettura, design, corporate image, comunicazione. Un uomo pieno di risorse che costruisce e progetta edifici, uffici, hotels in tutto il mondo. Nel Settembre 2006 inaugura il Bulgari Resort di Bali e nel 2007 Il Bulgari Restaurant and Cafè a Tokio. Compasso d’oro nel 1987 e 1995, tra i suoi lavori si ricordano la cassettiera su rotelle Mobil per Kartell e il divano Sity per B&B Italia. E’ presente nella collezione permanente del MoMA di New York e del Beaubourg di Parigi.

RON ARAD

Uno dei più influenti designer dei nostri tempi, Ron Arad, israeliano, inizia il suo percorso alla Jerusalem Academy of Art e alla London’s Architectural Association. Nel 1981 fonda lo studio di design One Off. Nel corso degli ultimi venticinque anni, Arad ha prodotto una varietà notevole di prodotti innovativi, da una serie infinita di oggetti alle poltrone in fibra di carbonio, fino al portabottiglie in poliuretano. Ha progettato spazi di plastica e tattili, altri eterei e digitali. Il MOMA di New York dedica nel 2009 una retrospettiva dei suoi lavori, la prima negli USA. Arad utilizza il computer e le sue capacità di produzione rapida in una costante sperimentazione. I suoi mobili possono anche ricevere e visualizzare SMS e messaggi da cellulari Bluetooth e Palm Pilot. La gioia dell’invenzione, l’umorismo, la giocosità portano Arad a realizzare prodotti anticonvenzionali in cui l’innovazione tecnologica trova la sua forma perfetta. Designer dell’anno nel 2003, tra le sue creazioni ricordiamo la libreria Bookworm e le sedie FPE, Fantastic Plastic Elastic per Kartell.

I FRATELLI PALOMBA

Ludovica e Roberto Palomba, designers e architetti, sono la coppia del “made in italy”. Dopo gli studi a Roma fondano nel 1994 Palomba Serafini Associati a Milano, la quale si occupa di architettura, interni, industrial design, exhibition design, graphic design, comunicazione, media strategies e marketing consulting. I fratelli Palomba progettano architetture ed esposizioni in tutto il mondo, collaborano, sono art directors per alcuni dei brand più prestigiosi. Tra i vari riconoscimenti al loro lavoro spiccano il Compasso D’Oro, il Red Dot, il Design Plus, il Good Design Award, il German Design Award. I Prodotti Palomba si contraddistinguono per l’eleganza del passato reinterpretata nella contemporaneità danno vita ad oggetti non modaioli ma sempre attuali.







Altri articoli di questa enews